Benvenuto
Nome di Login:

Password:



[ ]
[ ]
Menù Principale
· Home
turni di presidio
Servizi per i Volontari
LINK
Data / Ora
 
Prossimi Eventi
Nessun evento prossimo
Nessun evento in questo mese.

LunMarMerGioVenSabDom





12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

ARTICOLI PUBBLICATI:

Online
Ospiti: 5
Utenti: 0
In questa pagina: 1
Totale: 153, Ultimo: FasseroMarco
Citazioni
Compleanno degli Utenti:
Nessun compleanno oggi

Prossimi compleanni
25/09 Fabio Uberti (6)
27/09 tcasta (53)
28/09 giovcome (7)
05/10 Daniele Lesca (46)
06/10 Roberto Genesi (52)
luned 30 ottobre 2017
IO NON RISCHIO 2017 IN 8 PIAZZE DEL PIEMONTE
Maurizio Balossino , lun 30 ottobre 2017 - 11:11:16 // Commenti disabilitati

Il volontariato di Protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Il 14 ottobre le volontarie e i volontari di Protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” nelle piazze dei capoluoghi di provincia italiani, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.

Il cuore dell’iniziativa – giunta quest’anno alla settima edizione – è il momento dell’incontro in piazza tra i volontari formati e la cittadinanza. Ma l’edizione 2017 sarà un’occasione speciale, perché le piazze si arricchiranno di iniziative ed eventi: i volontari, infatti, accompagneranno la cittadinanza in un percorso legato alla conoscenza dei rischi specifici del territorio e alla memoria dei luoghi.
“Anche quest’anno l’appuntamento con la campagna nazionale “Io non rischio”- ribadisce l’assessore regionale alla Protezione Civile e Antincendi boschivi, Alberto Valmaggia - qualifica la professionalità dei nostri volontari, facendoli diventare comunicatori di buone pratiche, accompagnando i cittadini ad approfondire la conoscenza del proprio territorio per migliorarne la tutela e la prevenzione dai rischi. I volontari, che come sempre sono impegnati in un ciclo costante di formazione per rispondere alle emergenze, dimostrando grandi capacità di interevento a livello nazionale ed europeo, continuano a proporsi quale elemento cardine di diffusione di pratiche e conoscenze che sempre più devono diventare patrimonio comune tra i cittadini.
Sabato 14 ottobre la campagna “ Io non rischio”torna anche in Piemonte in otto piazze con 22 associazioni e oltre 150 volontari. Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per la prevenzione, i volontari invitano i cittadini a partecipare agli appuntamenti nelle piazze di Alessandria, Piazzetta della Lega, Piazzetta Santo Stefano, ad Asti, Piazza San Secondo, a Biella, Centro Commerciale “Gli Orsi”, a Cuneo, Piazza Foro Boario, a Novara, Piazza delle Erbe, a Torino, Piazza Castello, Via Roma, Piazza San Carlo, a Vercelli, Piazza Cavour, infine nel Verbano-Cusio-Ossola in Piazza Ranzoni (Intra).
L’edizione 2017 coinvolge volontari e volontarie appartenenti a oltre 700 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Sul sito ufficiale della campagna, vai a ..., è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

fonte: REGIONE PIEMONTE